Help

jakob-lorber.cc

Spiegazione di Testi Biblici

[4.1] Sarà dunque difficile citare qua ancora un sole centrale? Oh no, niente affatto! Poiché dobbiamo solo prendere il primo testo che capita dal libro del Nuovo Testamento, ed un nuovo sole centrale sarà davanti a voi con la stessa luce primordiale e con la stessa luminosa forza ed efficacia di quella luce. Per esempio: "Io sono la Via, la Verità e la Vita; nessuno viene al Padre se non attraverso Me".

[4.2] Vedete, qui abbiamo subito un sole centrale! Chi in se stesso può scorgere la sua luce, con una tale illuminazione vedrà certamente che, con l'esclusivo leggere, ciò che si fa per guadagnare la vita eterna equivale a niente.

[4.3] Il Padre è l'eterno Amore in Me, come Io, in tutto il Mio divino Essere, fin dall'eternità sono perfettamente in Lui. Infatti Io e il Padre siamo Uno, ossia Io e il mio eterno Amore siamo Uno, ossia come l'Amore abita eternamene vivo nella Sua Sapienza, così anche la Sapienza abita eternamente nell'Amore dal quale proviene.

[4.4] Il Padre o l'Amore è la Vita fondamentale di ogni vita; chi non ritorna a questa viva Sorgente originaria di ogni vita, rimane morto, e in nessun altro luogo può ricevere una vita.

[4.5] Ma dov'è la Porta per andare al Padre? E chi è questa Porta? Sono i molti libri e scritti che qualcuno legge o sono Io?

[4.6] Sì, qui quelli che sono un po' migliori saranno subito d'accordo e diranno da parte loro: "Sì, davvero, se si esamina scrupolosamente l'insegnamento di Cristo, non si può più essere facilmente di un'opinione diversa da questa sola ed unica: solo ed unicamente seguendo questo insegnamento si può raggiungere una vita eterna per spirito ed anima. E sotto questo aspetto è giustissimo ciò che Cristo ha detto di Sé, e cioè che Egli solo è la Via, la Verità, e insieme la Vita Stessa!".

[4.7] E Io però vi dico davvero: "Sono migliaia e migliaia quelli che fanno una tale professione di fede, e ciò a motivo del loro buon discernimento"; e Io dico tuttavia: "Essi sono morti e non hanno trovato né la Via, la Verità, né la Porta e la Vita!".

[4.8] Si dirà qui: "Questa cosa suona aspra e impietosa! Come può udirsi una cosa simile dall'altissimo Amore di Dio? Che cosa può fare di più l'uomo, se non pervenire, tramite la diligenza del suo studio, al perfetto discernimento della grande Verità e Divinità del grande Maestro? Che mai può fare l'uomo di più elevato se non sforzarsi di riconoscere con evidenza la vera, somma, santa dignità della divina Parola, e riconoscerla poi realmente per la sua diligenza?".

[4.9] Io però dico: "Da una parte ciò è vero; è certo meglio fare una cosa del genere che rigettare tutto e poi mettersi al servizio della superbia del mondo", ma nella Scrittura è anche detto: "A quel tempo molti Mi diranno: "Signore, Signore!" e d'altronde è detto poi che Io dirò loro: "Allontanatevi da Me, perché non vi ho mai conosciuti!".

[4.10] Ecco la ragione di quel passo, a voi sicuramente noto, nel Nuovo Testamento. Con il detto "Signore, Signore!" si mette in evidenza che Cristo viene bensì riconosciuto come la Via, la Verità e la Vita. Ma a che serve questo riconoscimento, se nessuno vuol camminare su questa Via, ed a nessuno va di adottare la Verità nell'agire per giungere, per suo mezzo, alla Vita?

Desktop Contatti